Fossalta di Portogruaro

Breve storia

Piccolo paese con forti potenzialità. Così, con una semplice frase, si potrebbe descrivere il paese di Fossalta di Portogruaro. Poco più di seimila abitanti a ridosso di Portogruaro, un territorio confinante con il Friuli, a forte vocazione agricola, che gode di una comunità viva che continua a credere nell’aggregazione delle persone.

Una caratteristica, infatti, balza agli occhi anche al visitatore forestiero più distratto: il mondo dell’associazionismo. Un tesoro che in alcuni Comuni ben più grandi non si trova. Oltre 60 associazioni di volontariato e culturali che ogni settimana offrono possibilità di divertimento e iniziative rivolte a tutta la popolazione.
 
Tra le manifestazioni più note c’è la “Festa di Santa Maria Assunta” a Ferragosto, che è anche patrona del paese, poi ci sono la “Sagra di San Luigi” ad Alvisopoli, a giugno, e la “Festa della Madonna della Neve” a Stiago, verso fine luglio. Tra i vari gruppi non mancano le corali, vero fiore all’occhiello fossaltese.
 
Dal punto di vista economico Fossalta vanta la presenza di numerose cantine vinicole. Fossalta è anche un serbatoio pieno di opere artistiche. Da vedere, in particolare, vi sono Villa Sidran del XVIII secolo e la chiesa parrocchiale dedicata a San Zenone, ricca di opere d’arte di grande valore. Ma è da ricordare anche la maestosa quercia di fronte alla Cappelina di Sant’Antonio di Villanova, vecchia più di 500 anni e con misure da record: oltre 16 metri di tronco più altri 20 di chioma e una circonferenza del tronco ad un metro dal suolo di ben 8 metri e 70 centimetri. Il patrimonio artistico comprende anche Villa Mocenigo ad Alvisopoli, il cui parco è occupato da un’oasi del WWF che offre uno spettacolo naturale meraviglioso.
13 tours

Fossalta di Portogruaro